Life Two

Life After Full-Time Work

Un programma assicurativo innovativo per chi pensa che una vita sola non sia sufficiente

Mettere il futuro al centro, aiutando le persone, oggi, a pianificare il loro domani per decidere quando iniziare la seconda parte della vita con la giusta serenità e il benessere desiderato. Affiancandole nelle scelte, aiutandole a comprendere gli scenari più complessi, accompagnandoli passo dopo passo verso la soluzione migliore. Questa la mission dei Consulenti NEXT che, da oggi, hanno uno strumento innovativo in più per relazionarsi con il cliente come Partner di Vita e pianificare, insieme, il suo tempo, le sue risorse, il suo benessere.

Quando potrò andare in pensione? Quando mi piacerebbe smettere di lavorare? Potrò mantenere il mio stesso tenore di vita? Cosa mi serve per farlo? E ai miei figli cosa riuscirò a garantire? Mi conviene riscattare la laurea? Sono solo alcune delle tante domande che ciascuno di noi prima o poi si pone o si è già posto pensando al proprio futuro. A quella seconda parte della nostra vita in cui avremo smesso di lavorare a tempo pieno e si aprirà una nuova stagione, tutta da goderci, possibilmente nel miglior modo possibile.

Il “secondo tempo” della vita di una persona adulta – quella che segue la prima dedicata all’attività lavorativa a tempo pieno e agli impegni familiari che assorbono la maggior parte del tempo e delle energie – è un periodo che, dati alla mano, almeno nel nostro Paese, potrebbe durare anche oltre vent’anni, essendo la speranza di vita sia per l’uomo che per la donna oltre gli 80 anni (in Lombardia il 50% degli uomini oltre i 67 anni ha una speranza di vita di 84,8 anni e le donne di 88,1 – Istat 2019). Un periodo lungo, dunque, e importante, totalmente fruibile e in cui poter finalmente esaudire i propri desideri, dare vita e concretezza a nuovi progetti, coltivare delle passioni. Ma un periodo altrettanto incerto sotto tanti punti di vista. Gli scenari futuri, infatti, sono complessi e fare scelte ragionate e serene, tenendo conto di tutte le variabili, non è sempre facile. Se, infatti, di alcuni dati siamo tutti ben consapevoli – viviamo in un paese che invecchia, in cui si assiste a un continuo calo delle nascite, in cui si esce di casa e si entra nel mondo del lavoro sempre più tardi – tanti altri fattori sono meno chiari, meno facilmente reperibili, cambiano continuamente: basti pensare all’evoluzione del sistema pensionistico nel nostro Paese, all’avvicendamento politico, all’evoluzione normativa, ai mercati economici e finanziari estremamente instabili. A questo si aggiungono altri fattori imprevedibili quali un imprevisto, una malattia. Capire il futuro diventa la chiave di volta per pianificarlo al meglio.

Life Two ovvero un secondo inizio dopo una vita di lavoro

Life Two non è un programma assicurativo e nemmeno un piano di pensione integrativa, è semplicemente la nostra mission: garantire ai nostri clienti il benessere necessario a godersi al meglio il loro secondo tempo, decidendo con serenità quando farlo iniziare e in che modo viverlo. Come? Aiutandoli a pianificare oggi il loro futuro, valutando ogni variabile, affiancandoli, passo dopo passo, nel corso del tempo, per rendere quanto più comprensibile e lineare gli scenari, spesso complessi, che la vita pone davanti e consentendo loro di effettuare scelte ragionate e coerenti. Attraverso L2, un innovativo quanto intuitivo strumento di lavoro – messo a punto da professionisti di Leonardo in collaborazione con Progetica – i consulenti NEXT sono in grado di analizzare tutte le variabili che ruotano intorno alla vita di una persona, valutare le sue aspettative e i desideri futuri, presentarle un quadro il più possibile lineare e chiaro di quali saranno gli scenari possibili e proporre, infine, la soluzione migliore e personalizzata alle sue esigenze. Con un metodo di lavoro che prevede la ricorrenza di incontri programmati nel corso del tempo, i consulenti monitorano continuamente l’evolversi di tutte le variabili in modo da adeguare le soluzioni perché siano sempre efficaci e pianificano al meglio i tre pilastri fondamentali su cui si basa il “secondo tempo”: tempo, risorse e benessere. Tempo per decidere quando smettere di lavorare; risorse per capire come vorrò vivere, con che tenore e con quali mezzi; benessere per decidere a quale qualità di vita aspirare.
Un approccio nuovo e rivoluzionario, quindi, che non parte più dal vecchio concetto di “quando potrò andare in pensione?” o “quanto dovrò lavorare ancora?”, con la pensione statale come unico spartiacque e unica fonte di sostegno, bensì da quello di un futuro e di un secondo tempo che posso decidere io quando far iniziare e come gestire, con quali risorse e con quali garanzie, per godermelo nel pieno benessere.