Consulenza Patrimoniale

Consulenza Patrimoniale

Un patrimonio per il futuro

Il servizio di Consulenza Patrimoniale ha come finalità la realizzazione della mission familiare attraverso la protezione, la valorizzazione e la trasmissione del patrimonio in assenza di conflitti.

 

Tre obiettivi per il tuo patrimonio

Protezione

Valorizzazione

Trasmissione

Di cosa si occupa il consulente patrimoniale? 

Il Consulente Patrimoniale crea un progetto di benessere continuativo nel tempo. 

 

Il progetto di benessere prende in considerazione gli aspetti finanziari, assicurativi, previdenziali, immobiliari, fiscali, legali e successori, per tutelare il patrimonio e garantirne la valorizzazione e il passaggio generazionale.

Chi sono i Consulenti Patrimoniali? 

Il nostro servizio viene erogato esclusivamente da Consulenti Patrimoniali certificati che dopo uno specifico percorso formativo e professionale si occupano di accompagnare i loro clienti nel percorso di pianificazione e valorizzazione del patrimonio. Il nostro servizio lavora in collaborazione con l’Associazione Nazionale Consulenti Patrimoniali. 

A chi si rivolge il servizio di Consulenza Patrimoniale? 

Il servizio si rivolge sia alle famiglie che alle imprese, ossia alle persone fisiche e a quelle giuridiche. Risparmiatori, professionisti, imprenditori e aziende possono trovare un unico punto di riferimento per gestire tutti i temi che a vario titolo riguardano il patrimonio e la sua trasmissione.  

Perché non ne ho ancora sentito parlare?

Mentre nei paesi anglosassoni esiste da tempo a figura del Family Officier, in Italia il ruolo di Consulente Patrimoniale esiste solo da tre anni. Noi siamo stati tra le prime aziende del settore assicurativo ad avervi dedicato uno specifico servizio. 

“Il patrimonio più importante sono anche le persone e gli affetti”

Spesso il tema della successione, se sottovalutato, può diventare motivo di incomprensioni e di attriti anche nei gruppi più coesi. La gestione dei conflitti è fondamentale nello sviluppo del progetto e parte dalla conoscenza e nella relazione diretta con tutte le persone coinvolte. Il progetto si basa su presupposti di oggettività che, insieme alla capacità di composizione del consulente, aiutano ad arrivare ad una soluzione condivisa da tutti. 

Un unico punto di riferimento per gestire la complessità 

Il Consulente Patrimoniale è come un direttore d’orchestra che deve conoscere il suono complessivo dell’opera ma anche tutte le singole parti che la compongono e le caratteristiche di ogni strumento.

Possiamo dire che la sua formazione e le sue competenze sono così composte:

30% Settore Assicurativo  
30% Settore Finanziario  
10% Fiscale tributario 
10% Legale 
10% Notarile
10% Multidisciplinarietà

Ma deve avere anche competenze dal punto di vista psicologico e deve essere specialista di stime e valutazioni in vari settori.