| Aziende, Economie, Persone | 

L’Educazione Finanziaria è davvero efficace?

Ne abbiamo parlato in Spazio Leonardo durante un evento organizzato, come ogni anno, in occasione dell’iniziativa “Ottobre: mese dell’Educazione Finanziaria” con due relatori d’eccezione che hanno spiegato al pubblico quanto impatta, concretamente, una consulenza di qualità sulla vita quotidiana e sul benessere individuale. 

“Non avere consapevolezza della tua situazione finanziaria può diventare molto pericoloso. Mi sono resa conto che, andando avanti così, la mia famiglia sarebbe stata in rosso per i prossimi 40 anni. L’Educazione Finanziaria ti mette davanti alla dura e cruda verità. Ma molte persone non affrontano questa verità perché hanno paura. L’Educazione Finanziaria ci ha cambiato la vita e oggi riusciamo a mettere da parte del denaro e a costruirci davvero un futuro più sostenibile”.

Inizia con la video-testimonianza di una utente del servizio di Educazione Finanziaria di Leonardo Assicurazioni, l’evento che abbiamo organizzato in Spazio Leonardo che, quest’anno abbiamo voluto focalizzare sul tema della “messa a terra” delle conoscenze e sulla traduzione in azioni concrete delle teorie e delle norme. Perché, se è vero che sull’importanza dell’Educazione Finanziaria nell’informare, far conoscere, alfabetizzare le persone sui temi economici ormai non ci sono più dubbi, oggi è necessario fare un passo in più e andare a misurare i risultati concreti a cui una consulenza di qualità porta, chiedendoci quanto questa possa influenzare i nostri comportamenti e che impatto possa avere sulla nostra vita quotidiana.

Il ruolo dell’Educazione Finanziaria

Come Società Benefit siamo convinti che il servizio di Educazione Finanziaria sia fondamentale per migliorare la qualità di vita e il benessere delle persone.  Installatore di futuro, risposta a paure e cambiamenti, dispensatrice di benessere . Come ha sottolineato la dottoressa Francesca Berté*:

 “Ci sono motivi oggettivi e soggettivi che ci fanno capire i molteplici vantaggi di un percorso di Educazione Finanziaria di qualità. Una consulenza che ci mette di fronte, ad esempio, ad alcuni dati relativi alla nostra salute, all’invecchiamento della società, alla situazione pensionistica, o che ci porta a capire l’importanza di fare budgeting familiare, ci consente di affrontare meglio e con soluzioni adeguate il futuro, non solo da un punto di vista economico, ma anche psicologico, perché ci aiuta a superare le tante paure di cui l’era contemporanea è permeata, a vincere le ansie legate agli imprevisti e ai cambiamenti, a superare la sfiducia in chi ci guida, che oggi sta prendendo il sopravvento in molti di noi, e quindi nel futuro, a superare le indecisioni a favore di scelte consapevoli”.

Trasparente, certificata, indipendente: quando l’Educazione Finanziaria è un servizio di qualità

L’altra faccia della medaglia quando si parla di Educazione Finanziaria sono le norme, le certificazioni, i report, aspetti che talvolta sembrano impattare meno sulla nostra vita quotidiana, ma che, invece, hanno un ruolo fondamentale nel garantirci un percorso di qualità. Come spiega Stefano Bonetto**:

 “C’è Educazione Finanziaria e Educazione Finanziaria, quello che fa la differenza è la qualità e qualità significa rispetto delle norme, in particolare la UNI 11402, recentemente aggiornata e semplificata. L’Educazione Finanziaria è un servizio basato su 4 pilastrifamiglia, obiettivi, soluzioni, visione di lungo periodo quindi budgeting e protezione – con un piano di qualità, misurabile in termini di gradimento, risultati concreti e fattibilità, e un’attività di monitoraggio nel tempo. Il rispetto di questi criteri garantisce a chi segue questo percorso un servizio indipendente, trasparente, super partes ma personalizzato sui bisogni e le condizioni di ciascuno.”

Strumenti concreti per cambiare il futuro

“A differenza dell’alfabetizzazione, che offre a tutti le conoscenze teoriche sull’ambiente economico e sociale, l’Educazione Finanziaria offre, one to one, le competenze, ossia le capacità pratiche per agire concretamente e cambiare determinati comportamenti. È un servizio che accompagna le persone nel corso del tempo per aiutarle a costruire e ricostruire il futuro, a raggiungere i propri obiettivi di vita e dunque il benessere”.

Benessere che, come conclude la dottoressa Berté, è un concetto importantissimo e multiforme: l’educatore finanziario non si occupa dunque solo di aspetti economici, ma con la sua consulenza impatta realmente su molteplici dimensioni della persona. Come sostiene il BES   – benessere equo sostenibile – infatti per stare bene le persone non devono solo essere tranquilli da un punto di vista economico, ma devono potersi curare, devono poter accedere agli studi, devono poter far studiare i figli, conciliare vita e lavoro, essere sereni del proprio futuro.

* Partner Progetica

** Partner e Senior Consultant nel Gruppo Ecoconsult, Auditor, Normatore UNI

Rivivi l’evento

L’Educazione Finanziaria è davvero efficace?

Ne abbiamo parlato in Spazio Leonardo durante un evento organizzato, come ogni anno, in occasione dell’iniziativa “Ottobre: mese dell’Educazione Finanziaria” con due relatori d’eccezione che hanno spiegato al pubblico quanto impatta, concretamente, una consulenza di qualità sulla vita quotidiana e sul benessere individuale. 

“Non avere consapevolezza della tua situazione finanziaria può diventare molto pericoloso. Mi sono resa conto che, andando avanti così, la mia famiglia sarebbe stata in rosso per i prossimi 40 anni. L’Educazione Finanziaria ti mette davanti alla dura e cruda verità. Ma molte persone non affrontano questa verità perché hanno paura. L’Educazione Finanziaria ci ha cambiato la vita e oggi riusciamo a mettere da parte del denaro e a costruirci davvero un futuro più sostenibile”.

Inizia con la video-testimonianza di una utente del servizio di Educazione Finanziaria di Leonardo Assicurazioni, l’evento che abbiamo organizzato in Spazio Leonardo che, quest’anno abbiamo voluto focalizzare sul tema della “messa a terra” delle conoscenze e sulla traduzione in azioni concrete delle teorie e delle norme. Perché, se è vero che sull’importanza dell’Educazione Finanziaria nell’informare, far conoscere, alfabetizzare le persone sui temi economici ormai non ci sono più dubbi, oggi è necessario fare un passo in più e andare a misurare i risultati concreti a cui una consulenza di qualità porta, chiedendoci quanto questa possa influenzare i nostri comportamenti e che impatto possa avere sulla nostra vita quotidiana.

Il ruolo dell’Educazione Finanziaria

Come Società Benefit siamo convinti che il servizio di Educazione Finanziaria sia fondamentale per migliorare la qualità di vita e il benessere delle persone.  Installatore di futuro, risposta a paure e cambiamenti, dispensatrice di benessere . Come ha sottolineato la dottoressa Francesca Berté*:

 “Ci sono motivi oggettivi e soggettivi che ci fanno capire i molteplici vantaggi di un percorso di Educazione Finanziaria di qualità. Una consulenza che ci mette di fronte, ad esempio, ad alcuni dati relativi alla nostra salute, all’invecchiamento della società, alla situazione pensionistica, o che ci porta a capire l’importanza di fare budgeting familiare, ci consente di affrontare meglio e con soluzioni adeguate il futuro, non solo da un punto di vista economico, ma anche psicologico, perché ci aiuta a superare le tante paure di cui l’era contemporanea è permeata, a vincere le ansie legate agli imprevisti e ai cambiamenti, a superare la sfiducia in chi ci guida, che oggi sta prendendo il sopravvento in molti di noi, e quindi nel futuro, a superare le indecisioni a favore di scelte consapevoli”.

Trasparente, certificata, indipendente: quando l’Educazione Finanziaria è un servizio di qualità

L’altra faccia della medaglia quando si parla di Educazione Finanziaria sono le norme, le certificazioni, i report, aspetti che talvolta sembrano impattare meno sulla nostra vita quotidiana, ma che, invece, hanno un ruolo fondamentale nel garantirci un percorso di qualità. Come spiega Stefano Bonetto**:

 “C’è Educazione Finanziaria e Educazione Finanziaria, quello che fa la differenza è la qualità e qualità significa rispetto delle norme, in particolare la UNI 11402, recentemente aggiornata e semplificata. L’Educazione Finanziaria è un servizio basato su 4 pilastrifamiglia, obiettivi, soluzioni, visione di lungo periodo quindi budgeting e protezione – con un piano di qualità, misurabile in termini di gradimento, risultati concreti e fattibilità, e un’attività di monitoraggio nel tempo. Il rispetto di questi criteri garantisce a chi segue questo percorso un servizio indipendente, trasparente, super partes ma personalizzato sui bisogni e le condizioni di ciascuno.”

Strumenti concreti per cambiare il futuro

“A differenza dell’alfabetizzazione, che offre a tutti le conoscenze teoriche sull’ambiente economico e sociale, l’Educazione Finanziaria offre, one to one, le competenze, ossia le capacità pratiche per agire concretamente e cambiare determinati comportamenti. È un servizio che accompagna le persone nel corso del tempo per aiutarle a costruire e ricostruire il futuro, a raggiungere i propri obiettivi di vita e dunque il benessere”.

Benessere che, come conclude la dottoressa Berté, è un concetto importantissimo e multiforme: l’educatore finanziario non si occupa dunque solo di aspetti economici, ma con la sua consulenza impatta realmente su molteplici dimensioni della persona. Come sostiene il BES   – benessere equo sostenibile – infatti per stare bene le persone non devono solo essere tranquilli da un punto di vista economico, ma devono potersi curare, devono poter accedere agli studi, devono poter far studiare i figli, conciliare vita e lavoro, essere sereni del proprio futuro.

* Partner Progetica

** Partner e Senior Consultant nel Gruppo Ecoconsult, Auditor, Normatore UNI

Rivivi l’evento

L’Educazione Finanziaria è davvero efficace?

Ne abbiamo parlato in Spazio Leonardo durante un evento organizzato, come ogni anno, in occasione dell’iniziativa “Ottobre: mese dell’Educazione Finanziaria” con due relatori d’eccezione che hanno spiegato al pubblico quanto impatta, concretamente, una consulenza di qualità sulla vita quotidiana e sul benessere individuale. 

“Non avere consapevolezza della tua situazione finanziaria può diventare molto pericoloso. Mi sono resa conto che, andando avanti così, la mia famiglia sarebbe stata in rosso per i prossimi 40 anni. L’Educazione Finanziaria ti mette davanti alla dura e cruda verità. Ma molte persone non affrontano questa verità perché hanno paura. L’Educazione Finanziaria ci ha cambiato la vita e oggi riusciamo a mettere da parte del denaro e a costruirci davvero un futuro più sostenibile”.

Inizia con la video-testimonianza di una utente del servizio di Educazione Finanziaria di Leonardo Assicurazioni, l’evento che abbiamo organizzato in Spazio Leonardo che, quest’anno abbiamo voluto focalizzare sul tema della “messa a terra” delle conoscenze e sulla traduzione in azioni concrete delle teorie e delle norme. Perché, se è vero che sull’importanza dell’Educazione Finanziaria nell’informare, far conoscere, alfabetizzare le persone sui temi economici ormai non ci sono più dubbi, oggi è necessario fare un passo in più e andare a misurare i risultati concreti a cui una consulenza di qualità porta, chiedendoci quanto questa possa influenzare i nostri comportamenti e che impatto possa avere sulla nostra vita quotidiana.

Il ruolo dell’Educazione Finanziaria

Come Società Benefit siamo convinti che il servizio di Educazione Finanziaria sia fondamentale per migliorare la qualità di vita e il benessere delle persone.  Installatore di futuro, risposta a paure e cambiamenti, dispensatrice di benessere. Come ha sottolineato la dottoressa Francesca Berté*:

“Ci sono motivi oggettivi e soggettivi che ci fanno capire i molteplici vantaggi di un percorso di Educazione Finanziaria di qualità. Una consulenza che ci mette di fronte, ad esempio, ad alcuni dati relativi alla nostra salute, all’invecchiamento della società, alla situazione pensionistica, o che ci porta a capire l’importanza di fare budgeting familiare, ci consente di affrontare meglio e con soluzioni adeguate il futuro, non solo da un punto di vista economico, ma anche psicologico, perché ci aiuta a superare le tante paure di cui l’era contemporanea è permeata, a vincere le ansie legate agli imprevisti e ai cambiamenti, a superare la sfiducia in chi ci guida, che oggi sta prendendo il sopravvento in molti di noi, e quindi nel futuro, a superare le indecisioni a favore di scelte consapevoli”.

Trasparente, certificata, indipendente: quando l’Educazione Finanziaria è un servizio di qualità

L’altra faccia della medaglia quando si parla di Educazione Finanziaria sono le norme, le certificazioni, i report, aspetti che talvolta sembrano impattare meno sulla nostra vita quotidiana, ma che, invece, hanno un ruolo fondamentale nel garantirci un percorso di qualità. Come spiega Stefano Bonetto**:

“C’è Educazione Finanziaria e Educazione Finanziaria, quello che fa la differenza è la qualità e qualità significa rispetto delle norme, in particolare la UNI 11402, recentemente aggiornata e semplificata. L’Educazione Finanziaria è un servizio basato su 4 pilastrifamiglia, obiettivi, soluzioni, visione di lungo periodo quindi budgeting e protezione – con un piano di qualità, misurabile in termini di gradimento, risultati concreti e fattibilità, e un’attività di monitoraggio nel tempo. Il rispetto di questi criteri garantisce a chi segue questo percorso un servizio indipendente, trasparente, super partes ma personalizzato sui bisogni e le condizioni di ciascuno.”

Strumenti concreti per cambiare il futuro

“A differenza dell’alfabetizzazione, che offre a tutti le conoscenze teoriche sull’ambiente economico e sociale, l’Educazione Finanziaria offre, one to one, le competenze, ossia le capacità pratiche per agire concretamente e cambiare determinati comportamenti. È un servizio che accompagna le persone nel corso del tempo per aiutarle a costruire e ricostruire il futuro, a raggiungere i propri obiettivi di vita e dunque il benessere”.

Benessere che, come conclude la dottoressa Berté, è un concetto importantissimo e multiforme: l’educatore finanziario non si occupa dunque solo di aspetti economici, ma con la sua consulenza impatta realmente su molteplici dimensioni della persona. Come sostiene il BES   – benessere equo sostenibile – infatti per stare bene le persone non devono solo essere tranquilli da un punto di vista economico, ma devono potersi curare, devono poter accedere agli studi, devono poter far studiare i figli, conciliare vita e lavoro, essere sereni del proprio futuro.

* Partner Progetica

** Partner e Senior Consultant nel Gruppo Ecoconsult, Auditor, Normatore UNI

Rivivi l’evento
Francesca Pavesi

Francesca Pavesi

Nata e cresciuta a Milano, laureata in lettere moderne, giornalista pubblicista dal 2003, si è sempre occupata di comunicazione e oggi lo fa da libera professionista, conciliando famiglia e lavoro. Da allora le sue giornate trascorrono con il computer e il registratore sempre accesi, scrivendo e intervistando per diversi quotidiani e periodici nazionali. Dal 2016 segue l’ufficio stampa e la comunicazione di Leonardo Assicurazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E se lo desideri ricevi l'invito ai prossimi eventi